Come...  contattarci | contribuire |associarsi |acquistare libri | iscriversi alla newsletter 

oggi è  


a cura dell’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale





Identità nazionale


L’identità di un popolo, la sua autocoscienza di essere un’entità definita e distinta da altri soggetti, sia dello stesso genere, sia di altra natura ― lo Stato, le chiese, le culture ―, come ogni studio serio può confermare, è un concetto labile e variabile assai più di quanto si possa immaginare. L’età antica e il Medioevo hanno conosciuto questa realtà, ma con un significato assai diverso, molto più ristretto nello spazio e letterale ― di legato cioè alla nascita e al suo contesto ― da quello che il termine evoca in un nostro contemporaneo.
Solo in età moderna è cominciato un processo di ascesa e di evoluzione semantica del termine, che, dal designare entità di ridotta base territoriale ― ma non esclusivamente territoriale: pensiamo ai popoli nomadi ―, assai omogenee culturalmente ed etnicamente, passa a designare aggregati sempre più ampi, fino a raggiungere i confini delle entità politiche nuove in via di formazione, dalla signoria allo Stato regionale, alla monarchia, alla monarchia «composita», all’aggregato imperiale. L’elemento tangibile che governa questa dinamica è in questa fase lo Stato patrimoniale moderno, retto da una dinastia o da un’aristocrazia. Questo processo, in quest’epoca, è accompagnato dal graduale attenuarsi dei contenuti etnici e locali a vantaggio di elementi culturali e politico-legali.
Il 1789 vi imprimerà un grande impulso, facendo coincidere territorio, popolo, nazione e costituzione, se non inventando. almeno portando al massimo grado il processo di nation building, guidato dall’alto.
Il culmine del processo di ascesa della nazione è il XIX secolo, quando nazione diventa il criterio di legittimazione dello Stato stesso ― si parla di Stato nazionale ― e, nella fase successiva, del nazionalismo moderno e dei diversi imperialismi politico-economici.
Caduti gl’imperi ideologici, le «ideocrazie», del XX secolo, la nazione riaffiora con i caratteri originari, complicati da tutti gli elementi acquisiti strada facendo, sì che oggi si assiste alla presenza di conglomerati identitari che vedono coesistere i localismi più esasperati, la permanenza degli Stati nazionali e la costruzione di unioni di Stati pluri-nazionali sempre più ampi.
L’Italia ha attraversato tutte queste fasi, conservando più nitidi che altrove i caratteri originari dell’epoca romana e la ricca pluralità di residui delle più variegate vesti politiche, che hanno abbellito la Penisola nell’«età di mezzo».
La questione oggi attuale è il ricupero di un’identità italiana integrale, che superi le artificialità impostele dal Risorgimento, dal fascismo e dal mito resistenziale, e si ricolleghi alle sue fonti, anche le più remote, senza gettar via i centocinquant’anni di vita, di gioie e di sofferenze comuni ai popoli che vivono nella Penisola.

*        *        *


Forniamo qualche definizione terminologica:


da Niccolò Tommaseo,
Dizionario della lingua italiana, ed. 1858-79


Nazionalità, s. f. astratto di nazionale […]. Quando dicono di nazionalità slava, italiana, possono dire di nazione; o piuttosto, della pers. stessa, italiano, slavo di nazione. Quando dicono, rispettare in uno stato le varie nazionalità, posson dire le schiatte varie; giacché, se uno è lo Stato davvero, non possono essere dentro nazioni diverse.

Nazione […]. Schiatta d’uomini avente la medesima origine e parlante di lingua medesima. Unione di gente in vincoli di tradizioni civili, morali, intellettuali. Società di famiglie in vincolo comune e costante di discendenza, di tradizioni, di fatti, d’abitazione: massime di tradizioni e d’affetti. Quella è più propriam. nazione, ove gli uomini hanno comune la schiatta, la lingua, le leggi, e la potenza e la volontà d’eseguirle.




dall’Oxford English Dictionary,
ed. 1933


Nation (nazione) […]. Un ampio aggregato di persone così strettamente associate tra loro per comune discendenza, lingua, o storia, da formare una razza o popolo a sé stante, normalmente organizzato come stato politico separato e che occupa un territorio definito.
Nationalism (nazionalismo) […]. La devozione alla propria nazione; l’aspirazione nazionale; una politica di indipendenza nazionale.



da Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, XI, Utet, Torino 1981.


Nazione, s. f. Gruppo umano di presunta origine umana comune ed effettivamente caratterizzato dalla comunanza di lingua, di costumi e di istituzioni sociali ed eventualmente (ma non necessariamente) unificato o consociato (più o meno strettamente e stabilmente) in forma politica o prepolitica; comunità umana etnico-linguistica.

Nazionalismo s. m. Polit. Atteggiamento complesso (concettualmente e storicamente multiforme ed eterogeneo) di atteggiamenti ideologici e politici che, identificando il concetto di nazione con quello di patria e deformando ed esasperando il naturale sentimento morale del patriottismo e il principio politico di nazionalità, considera la nazione come il supremo valore etico-politico ed etico-culturale e fa del prestigio e della grandezza della nazione (o, per meglio dire, di una determinata nazione: quella del soggetto interessato) il principio supremo e almeno tendenzialmente totalizzante a cui deve ispirarsi l’azione politica […].



dall’Enciclopedia Rizzoli-Larousse, ed. 1998


Nazionalità, s.f. Carattere dell’essere nazionale. Per estens.

Nazione: appartenere a nazionalità diverse. Legame che esiste tra un individuo e la nazione cui appartiene: essere di nazionalità italiana.
Dir. Provenienza di una persona da un dato gruppo etno-culturale. St. d. dir. Principio di nazionalità, principio secondo il quale si dovrebbe realizzare un’identità tra stato e nazione, avendo ogni nazione il diritto di organizzarsi a stato indipendente.
Diritto. Nel linguaggio comune il termine di nazionalità è usato in modo equivalente a quello di cittadinanza. Tale uso è esatto, giuridicamente, solo in talune fattispecie: così per le persone giuridiche, per i beni mobili registrati (navi, autoveicoli, ecc.) in cui la nazionalità indica l’appartenenza di tali soggetti o beni a un determinato stato. Rispetto alle persone fisiche, il concetto di nazionalità designa, dal punto di vista giuridico, un fatto di natura, l’appartenenza cioè a un determinato gruppo etnico, mentre l’appartenenza a uno stato è collegata solo al concetto di cittadinanza. Ne deriva quindi la possibilità per la persona fisica della coincidenza o meno tra la cittadinanza e la nazionalità (per es. in Italia, gli altoatesini di lingua tedesca hanno la cittadinanza italiana mentre la nazionalità è tedesca). Sulla divergenza tra queste due realtà, quella della cittadinanza e quella della nazionalità, si fonda il principio di nazionalità. La nazionalità delle persone fisiche viene conferita unilateralmente e discrezionalmente da ciascuno stato mediante l’istituto della cittadinanza.

Identità
nazionale



Alfredo Mantovano
Lettera al «Corriere della sera»:
Nazione spontanea, già prima del 1861


Marco Invernizzi
Il Popolo della Libertà: un nuovo partito al di fuori e contro le ideologie

Oscar Sanguinetti
Identità, non memoria, condivisa?

Stanley J. Parry C.S.C.
Le premesse della teoria politica di Orestes A. Brownson

Ronco, Rumi, Ghiringhelli, Invernizzi, De Francesco
Tavola rotonda Regno d'Italia e identità nazionale
(Milano, 19 novembre 2005)


Cesare Mozzarelli
Identità religiosa e identità nazionale: un rapporto ancora da costruire?

Oscar Sanguinetti
Verso un'identità nazionale compiuta

Oscar Sanguinetti
L'identità italiana e i suoi percorsi

Oscar Sanguinetti
L’esigenza della restaurazione di una memoria pubblica comune come condizione per il rilancio dell’identitàitaliana. Una riflessione

IL LIBRO DEL MOMENTO

Oscar Sanguinetti,
Metodo e storia. Princìpi, criteri e suggerimenti di metodologia per la ricerca storica

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, Roma 2016
320 pp., € 22,00.



Oscar Sanguinetti,
Pio X. Un pontefice santo alle soglie del «secolo breve»,

con una prefazione di Roberto Spataro S.D.B.,
Sugarco Edizioni, Milano 2014,
336 pp., € 24,80



Oscar Sanguinetti,
Alle origini del conservatorismo americano. Orestes Augustus Brownson: la vita, le idee,

con una prefazione di Antonio Donno,
in appendice: Orestes Augustus Brownson, De Maistre sulle costituzioni politiche Biblioteca del pensiero conservatore,
D'Ettoris Editori, Crotone 2013,
282 pp., € 17,90



Marco Tangheroni,
Della storia.
In margine ad aforismi di Nicolás Gómez Dávila

Sugarco Edizioni, Milano 2008,
144 pp., € 15,00


Giovanni Cantoni,
Per una civiltà cristiana nel terzo millennio. La coscienza della Magna Europa e il quinto viaggio di Colombo

Sugarco Edizioni, Milano 2008,
264 pp., € 18,50


Oscar Sanguinetti,
Cattolici e Risorgimento. Appunti per una biografia di don Giacomo Margotti
con una prefazione di Marco Invernizzi

D'Ettoris Editori, Crotone 2012,
160 pp., € 15,90


Christopher Dawson,
La crisi dell'istruzione occidentale
trad. e cura di Paolo Mazzeranghi

D'Ettoris Editori, Crotone 2012,
218 pp., € 19,90


HOME-PAGE

CHI SIAMO

SAGGI E
RELAZIONI

 •     Insorgenza
 •     Identità nazionale
 •    Risorgimento
 •    Storia moderna
 •    Storia contemp.  •    Storia della Chiesa

IL SENSO CRISTIANO
DELLA STORIA

MEDAGLIONI

RIFLESSIONI
SULLA STORIA

IDEOLOGIE
DEL NOVECENTO

LETTURE

RECENSIONI

SCHEDE BIBLIOGRAFICHE

NORME PER LA REDAZIONE DEI TESTI

MEMORANDA

EDITORIALI

BIOGRAFIE

   •    "Alunni di Clio"
   •    Personaggi

SUSSIDI
DIDATTICI

DIBATTITI

DOCUMENTI

  •    Chiesa
  •    Politica italiana
  •    Politica internaz.

ATTIVITÀ

  •    Progetti
  •    Eventi svolti
  •    Appuntamenti
  •    Note e commenti

"NOTE INFORMATIVE"
ISIN

LIBRI
DELL'ISTITUTO

LIBRI DIFFUSI

VOCI
DELLA STORIA

LINKS

IN MEMORIAM






THOMAS E. WOODS JR.
Guida politicamente scorretta alla storia degli Stati Uniti d'America,

a cura di Maurizio Brunetti, con un invito alla lettura di Marco Respinti,
D'Ettoris Editori, Crotone 2009,
350 pp., € 24,90.







OSCAR SANGUINETTI
E IVO MUSAJO SOMMA,
Un cuore per la nuova Europa. Appunti per una biografia di Carlo d'Asburgo,

invito alla lettura di don Luigi Negri,
prefazione di Marco Invernizzi,
a cura dell'Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale,
3a ristampa,
D'Ettoris,
Crotone 2010,
224 pp., con ill., € 18,00.





ROBERTO MARCHESINI,
Il paese più straziato. Disturbi psichici dei soldati italiani della Prima Guerra Mondiale,

prefazione di Oscar Sanguinetti,
presentazione di Ermanno Pavesi,
D'Ettoris,
Crotone 2011,
152 pp., € 15,90.





Per ordinare
i volumi recensiti
o segnalati




VAI A   INIZIO-PAGINA           VAI ALLA   HOME-PAGE  
© Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale 2014