Come...  contattarci | contribuire |associarsi |acquistare libri | iscriversi alla newsletter 

oggi è  


a cura dell’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale



inserito il 17 gennaio 2009

La Tradizione


«L a Tra­di­zio­ne non è tra­smis­sio­ne di co­se o di pa­ro­le, una col­le­zio­ne di cose morte. La Tradi­zio­ne è il fiume vivo che ci collega alle ori­gini, il fiume vivo nel quale sempre le origini sono presenti. Il gran­de fiume che ci con­du­ce al porto dell’eternità».

Benedetto XVI


Un chiarimento prezioso per i conservatori

La frase di Papa Benedetto XVI con cui si apre questa nuova uscita della nostra rivista online, credo che meriti qualche commento, non solo per la sua felice forma espressiva, ma anche e ancor di più per la sua puntualità e preziosità per la condizione intellettuale odierna.
La tradizione – ci dice Papa Benedetto –, tanto quella umana – quindi con la «t» minuscola, quanto quella religiosa – con la «T» maiuscola – non dev’essere concepita come un assortimento di materiali – in questo senso si possono intendere «le cose» delle quali parla il Papa – e di valori spirituali e culturali – le «parole» – che ci proviene, ineluttabilmente e ininterrottamente, dal passato e di cui noi siamo più spesso recettori passivi, che non sollecitatori zelanti. Non è una semplice accolta o raccolta, una «collezione», di elementi vari, alcuni «vivi», altri «morti» – ma sono pensabili anche stadi intermedi –, che l’avvicendamento delle generazioni, come la risacca del mare fa approdare alle nostre spiagge, come morene glaciali fa affiorare, e in cui ci fa imbattere nel cammino della nostra vita.
Di fronte all’ammasso, non di rado cospicuo, di tali detriti sarebbe impossibile – e spesso questa impossibilità diventa reale – discernere che cosa tenere e di che cosa disfarsi. Né sarebbe giusto, come alcuni fanno, rifiutare qualunque retaggio – ma è poi materialmente possibile? – del passato, perdendo ciò che è in esso vi è di buono e forse anche di prezioso e d’indispensabile per il nostro progresso. E neppure salvare tutto indiscriminatamente, chiudendosi in dimore edificate con i resti del passato, che sono forse confortevoli, visto il degrado che ci circonda, ma che tuttavia si rivelano anacronistiche e sterili.
In realtà, ci ricorda il Papa, non è tanto importante la tradizione in quanto contenuto dell’atto di trasmissione intergenerazionale, ma l’atto medesimo, purché lo si veda non in forma fatale o meccanica o talvolta come morene glaciali, qualcosa che subiamo –, ma come quel «fiume vivo» della felice metafora usata dal Papa, ossia come un fluire, in cui siamo immersi, che non risale all’indietro di qualche passo o di qualche chilometro o – fuori metafora – di qualche generazione, bensì si può ripercorrere ininterrottamente fino a una fonte, a una origine unica. Un flusso che reca a noi la medesima acqua che di lì scaturisce, un’acqua che, a condizione però che la si preservi dall’inqui­na­mento e dal contagio che può subire nel percorso dalla sorgente fino a chi ne berrà, ha il medesimo valore cioè la stessa capacità di soddisfare la sete dell’uomo che ha l’acqua fontale.
Il criterio del discernimento del contenuto della tradizione è dunque chiaramente indicato. È buono e va mantenuto con cura ciò che, al di là del «colore» o della «limpidezza», rivela in sé la presenza delle origini, ossia che si ricollega inequivocabilmente e integralmente alla sorgente. Al contrario è cattivo o solo inutile e va rigettato quello che si è aggiunto strada facendo, che proviene da rivi spuri o è stato oggetto di una contaminazione che ha alterato la purezza originaria.
Ma non basta – anche se è imprescindibile – che lo sguardo resti fissato solo in direzione della fonte. Occorre invece osservare qual è il punto verso il quale il flusso ci conduce, qual è la meta, il mare o l’oceano, dove il fiume va: qual è l’approdo che l’uomo di ogni generazione trova davanti a sé. E questo approdo è quella «vita felice» – non una vita lunga, come ha avuto modo sempre di recente di puntualizzare con la consueta acutezza il Pontefice –, quella condizione in cui – e solo lì – ciascuno di noi incontrerà la pienezza della gioia e la pace autentica: quel «porto dell’eternità» che Benedetto intravede, la vita eterna in Dio.
Oggi si discute tanto di progresso, di conservazione, di tradizione, di identità, di inclusione, di esclusione, di valori, di diritti, di religioni: tutti concetti – e non solo concetti ma alternative che si pongono in concreto a ciascuno di noi, così come ai corpi organizzati della società e della politica – fra i quali, in questa crisi di significati in cui si esprime il carattere essenziale della post-modernità, mi pare si riesca a orizzontarsi solo mantenendo fermi capisaldi come quelli che Benedetto XVI – il quale non li ha inventati – ha voluto felicemente riproporci con estrema finezza ed eccellente capacità di sintesi. Ciò che ci troviamo davanti, vecchio o nuovo che sia, va valutato sempre criticamente, applicando cioè queste luci intellettuali – che sono dell’uomo di sempre, ma nella modernità hanno conosciuto una eclissi – che il Papa ci «serve» come cibo prelibato. Un cibo che certo non meritiamo, ma che la Chiesa, madre e maestra, ammannisce comunque sempre, gratis et amore Dei, ai suoi figli e agli uomini di buona volontà.
Quindi, secondo la lezione di Papa Ratzinger, bisogna rigettare tutto ciò in cui non si rinviene più «l’origine» – Joseph de Maistre l’aveva ben inteso – e, per altro verso, non conduce più – o oppone un sbarramento o un ostacolo nel percorso – alla foce che la Provvidenza ci prepara e dove la vita vera ci attende. Mentre, al contrario, va preservata e conservata – «religiosamente», si diceva una volta – ogni «cosa», ogni «parola» che ci colleghi «a monte» con l’origine, ovvero con la creazione e con la logica – in radicibus metafisica – della creazione stessa, e, «a valle», renda più sicuro l’incontro con Cristo alla fine dell’esistenza di ognuno e quando l’Agnello alla fine del tempo tornerà a giudicare l’uma­nità di tutti i tempi.

Oscar Sanguinetti

Memoranda


Il senso cristiano della storia
Nicolás Gómez Dávila

Suicidio di Roma
René Grousset

Tempo di transizione
Rudyard Kipling

La storia «di tendenza»
Walter Maturi

La nozione di rivoluzione in uno storico contemporaneo
Paolo Prodi

La storia «decapitata»
Gonzague de Reynold

La storia non ha leggi
Nicolás Gómez Dávila

Passato e futuro
Eugenio Montale

Visione cristiana della storia e secolarizzazione
Josef Pieper

Inizio e fine della storia
Josef Pieper

Unità della storia e unità della vita
Fernand Braudel

Teologia della storia e nuova evangelizzazione
Benedetto XVI

Passato e presente
Johann Gustav Droysen

Tre grandi rivoluzioni
don Giacomo Margotti

La vera Tradizione
Fabrice Hadjadj

La storia: tre aforismi
Nicolás Gómez Dávila

La Storia prima riordina, poi spiega
Johann Huizinga

La Storia, «una marcia in più»
Benedetto XVI

La Rivoluzione e l'orgoglio
Juan Donoso Cortés

Storia e teologia
Erik Maria Ritter
Von Kuehnelt-Leddihn

Due modi
di essere conservatore

Gustave Thibon

L'esito apocalittico
nella Storia

Card. Joseph Ratzinger

La complessità
della Storia

Marco Tangheroni

Salvezza sociale
Nicolás Gómez Dávila

Il tempo di Dio
Michele Federico Sciacca

Storia e postmodernità
Paul Valéry

La distruzione di una civiltà
René Grousset

La Tradizione
Benedetto XVI

Contro l'inverno dello spirito
Marguerite Yourcenar

Papa Giovanni e Porta Pia

Il Feudalesimo
Gonzague de Reynold

La forza della Tradizione
Giovanni di Salisbury

Il carattere degli italiani
Antonio Rosmini

L'abbeveratoio
Cormac McCarthy

La tradizione
Thomas Stearns Eliot
[25-1-2008]

Due visioni dell'uomo
René Rémond
[14-12-2007]

Il linguaggio
Fra' Salimbene de Adam da Parma
[14-10-2007]

La prudenza
Josef Pieper
[15-9-2007]

Il potere
Edmund Burke
[27-7-2007]

L'essenza della Rivoluzione
Augustin Cochin
[21-5-2007]

La nobiltà dell'uomo
Gustave Thibon
[12-4-2007]

Le leggi della Storia
Gonzague de Reynold
[23-3-2007]

L'anima di un popolo
Nicolás Gómez Dávila
[23-2-2007]

La necessità di un nuovo paradigma
Louis Dumont
[9-1-2007]

Bibbia e Storia
Giovanni Paolo II
[22-10-2006]

La nave Europa
Gonzague de Reynold
[5-9-2006]

«Ancien régime»:
un concetto semanticamente
non neutro

Cesare Mozzarelli
[29-7-2005]

Verso una revisione della storia europea del secolo XX?
George Walker Bush
[29-7-2005]

Le tre Rivoluzioni
François Furet
[2-4-2005]

Palafitte e società liquida
Gonzague de Reynold
[7-2-2005]

L'essenza della storia
Johan Huizinga
[9-3-2005]


HOME-PAGE

CHI SIAMO

SAGGI E
RELAZIONI

 •    Insorgenza
 •    Identità nazionale
 •    Risorgimento
 •    Storia moderna
 •    Storia contemp.
 •    Storia della Chiesa
 •    «Cristeros»

IL SENSO CRISTIANO
DELLA STORIA

MEDAGLIONI

RIFLESSIONI
SULLA STORIA

IDEOLOGIE
DEL NOVECENTO

LETTURE

RECENSIONI

SCHEDE BIBLIOGRAFICHE

NORME PER LA REDAZIONE DEI TESTI

MEMORANDA

EDITORIALI

BIOGRAFIE

   •    "Alunni di Clio"
   •    Personaggi

SUSSIDI
DIDATTICI

DIBATTITI

DOCUMENTI

  •    Chiesa
  •    Politica italiana
  •    Politica internaz.

ATTIVITÀ

  •    Progetti
  •    Eventi svolti
  •    Appuntamenti
  •    Note e commenti

"NOTE INFORMATIVE"
ISIN

LIBRI
DELL'ISTITUTO

LIBRI DIFFUSI

VOCI
DELLA STORIA

LINKS

IN MEMORIAM






GIANCARLO CERRELLI e MARCO INVERNIZZI
La famiglia in Italia dal divorzio al gender,

prefazione di Massimo Gandolfini,
Sugarco Edizioni, Milano 2017,
338 pp., € 25.







THOMAS E. WOODS JR.
Guida politicamente scorretta alla storia degli Stati Uniti d'America,

a cura di Maurizio Brunetti, con un invito alla lettura di Marco Respinti,
D'Ettoris Editori, Crotone 2009,
350 pp., € 24,90.







OSCAR SANGUINETTI
E IVO MUSAJO SOMMA,
Un cuore per la nuova Europa. Appunti per una biografia di Carlo d'Asburgo,

invito alla lettura di don Luigi Negri,
prefazione di Marco Invernizzi,
a cura dell'Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale,
3a ristampa,
D'Ettoris,
Crotone 2010,
224 pp., con ill., € 18,00.





ROBERTO MARCHESINI,
Il paese più straziato. Disturbi psichici dei soldati italiani della Prima Guerra Mondiale,

prefazione di Oscar Sanguinetti,
presentazione di Ermanno Pavesi,
D'Ettoris,
Crotone 2011,
152 pp., € 15,90.





Per ordinare
i volumi recensiti
o segnalati




VAI A   INIZIO-PAGINA           VAI ALLA   HOME-PAGE  
© Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale 2014