Come...  contattarci | contribuire |associarsi |acquistare libri | iscriversi alla newsletter 

oggi è  


a cura dell’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale


inserito il 23 luglio 2008


Giuseppe Brienza

L’«eredità» del 1968 nella cultura, nella società e nella Chiesa italiana


I n occasione del 40° anniversario del «maggio francese», il 28 maggio scorso a Roma, nella Sala convegni Don Umberto Terenzi del Santuario della Madonna del Divino Amore, organizzato dal Centro Culturale Amici de il Timone «Fides et Ratio», si è tenuto un convegno dal titolo: L’«eredità» del 1968 nella cultura, nella società e nella Chiesa italiana (1). Presentati dal sottoscritto hanno svolto relazioni il prof. Marco Invernizzi, docente di Storia dei partiti e movimenti politici all’Università Europea di Roma e presidente dell’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale (Isiin) e don Giovanni Poggiali, sacerdote dell’Opus Mariae Matris Ecclesiae e collaboratore della rivista il Timone. Mensile di informazione e formazione apologetica. Il senatore Gaetano Quagliariello, ordinario di Teoria e Storia dei Partiti Politici e di Storia Comparata dei Sistemi Politici Europei presso la Luiss-Guido Carli di Roma nonché presidente della Fondazione Magna Carta, convocato fra i relatori e impossibilitato all’ultimo momento a partecipare al convegno per motivi istituzionali, ha fatto pervenire all’organizzazione un suo qualificato messaggio.

In esso lo storico e parlamentare napoletano, dopo aver denunciato le responsabilità dei rivoluzionari di quarant’anni fa rispetto alla profonda crisi educativa «[…] di cui le cronache dei giornali e la pratica di vita quotidiana ci offrono tuttora spaccati significativi», si è chiesto metaforicamente, a proposito del rapporto fra il Sessantotto e l’egemonia culturale che ha condizionato il nostro Paese per decenni, «[…] se sia stato il primo a rafforzare la seconda, o invece sia stata proprio quell’egemonia ad agevolare l’affermazione del movimento del Sessantotto e la sua eccezionale durata rispetto ad analoghe esperienze maturate in altri Paesi occidentali».

Focalizzando il suo intervento sulle conseguenze dannose della Rivoluzione sessantottina nel mondo ecclesiale, don Poggiali, citando il sociologo delle religioni Massimo Introvigne, ha stigmatizzato invece l’idea, diffusa non solo in ristrette cerchie di teologi ma anche in buona parte del mondo culturale-mediatico, per cui «[…] dopo il Concilio Vaticano II i cattolici – o almeno, per usare un’espressione non solo italiana, i “cattolici adulti” – possano scegliere fra il magistero del Papa e il “magistero parallelo” dei teologi (un’espressione che sarà ripresa nel 1990 dall’Istruzione Donum Veritatis della Congregazione per la Dottrina della Fede sulla vocazione ecclesiale del teologo). I teologi, in quanto più “progressisti” e avanzati, anticiperebbero semplicemente oggi quanto il magistero finirà fatalmente per accettare domani, e quindi potrebbero e dovrebbero essere seguiti con fiducia dai fedeli più maturi. Dal momento che – per dire il meno – il Papa e la gerarchia non condividono questo punto di vista, ecco che nell’organizzazione Chiesa cattolica ci sono due fonti di autorità (da una parte il Papa, dall’altra i gruppi di teologi che riescono a farsi percepire come maggioritari, lo siano o no), le quali certamente non sono sullo stesso piano dal punto di vista della dottrina insegnata dalla Chiesa stessa (e dal Concilio Vaticano II) ma sono presentate come se lo fossero». Entra così in profonda crisi il concetto di autorità nella Chiesa e la Rivoluzione culturale del 1968 lascerà, anche da questo punto di vista, strascichi di cui siamo testimoni ancora oggi, come ha concluso il sacerdote milanese citando ampi stralci dall’ultima importante opera dello studioso, nonché esponente di Alleanza Cattolica a Milano recentemente scomparso, Enzo Peserico (1959-2008) (2).

Il prof. Invernizzi, curatore di un recente volume dedicato alla «svolta» rappresentata dalle elezioni del 18 aprile 1948 e ai vent’anni che ne «tradirono» le radici cattoliche e popolari preparando la «Rivoluzione culturale» del Sessantotto (3), ha ricordato nel suo intervento come la maggior vittima della contestazione organizzata durante tutto questo «annus horribilis» sia stata Papa Paolo VI, il quale, nell’enciclica Humanae vitae del 25 luglio 1968, non solo ribadiva l’illiceità per i cattolici della contraccezione artificiale, ma poneva soprattutto il problema della mutazione antropologica in atto, allora visibile in uno dei più delicati fenomeni umani, riguardante appunto lo svolgersi dei rapporti affettivi anche nel loro risvolto sessuale. «La gravità del caso Humanae vitae — ha aggiunto lo storico milanese — è confermata da un dato che riguarda la persona stessa di Papa Montini: dopo la reazione a quel documento, il Pontefice, che pure regna ancora fino al 1978, evidentemente amareggiato, non pubblica per tutta la sua vita alcun’altra enciclica (nessuna enciclica per dieci anni: un fatto del tutto inconsueto per un Papa moderno) dopo che ne aveva pubblicate sette fra il 1964 e il 1968».

Il Sessantotto — secondo Invernizzi — rappresentò insomma «la quarta fase di un secolare processo della storia dell’Occidente rivolto a una profonda ribellione contro le radici di questa civiltà, che nelle sue diverse espressioni si rivolgeva contro Atene, contro Gerusalemme e contro Roma. La rivolta che esplodeva nelle università e nelle scuole, anzitutto e soprattutto, aveva di mira il padre e il maestro e assomigliava alla prima di queste rivolte, quella che nel Rinascimento aveva di mira quell’impasto di culture diverse che aveva dato origine alla civiltà romano-germanica e cristiana nell’Occidente. Allora si trattava di esaltare il passato pagano, glorioso e luminoso, contrapponendolo a un presente ritenuto oscuro e limitato dalla fede e dalla morale cattolica, nel Sessantotto si sarebbe invece contrapposto a un presente meschino e borghese un futuro comunque migliore. In entrambi i casi, la società veniva invitata a ribellarsi contro la tradizione, in un caso preferendole il passato nell’altro il futuro».

Mentre nelle successive rivoluzioni, quella francese e quella socialcomunista, l’obiettivo erano principalmente alcune istituzioni, lo Stato e l’assetto sociale, nel Sessantotto come nel Rinascimento si è puntato soprattutto a modificare l’uomo e la sua cultura: «Una Rivoluzione “culturale” dunque, avendo cura di non intendere con “cultura” qualcosa di libresco e di limitato agli intellettuali, ma qualcosa che orienta le decisioni più importanti nella vita degli uomini e ne condiziona profondamente l’esistenza. In questo senso il Sessantotto è penetrato in profondità nel modo di vivere e di pensarsi dell’uomo occidentale e cristiano, alterando le sue relazioni con Dio, con gli altri uomini e con le cose materiali, e con se stesso, secondo uno schema contenuto nell’esortazione apostolica Reconciliatio et paenitentia di papa Giovanni Paolo II» (4).

Come è emerso anche dagli interventi del pubblico, dal Sessantotto ad oggi in tutti i settori e ceti sociali è evidente la profonda penetrazione del processo di secolarizzazione. Tuttavia, è lecito anche parlare di una «vittoria parziale» del Sessantotto perché, ora come allora, questa fase rivoluzionaria ha prodotto e sta producendo una reazione del corpo sociale «di senso contrario». Contro la nostalgia dei sessantottini, per un futuro ispirato dai valori senza tempo calpestati proprio dal Sessantotto, sta infatti partendo un «anti-’68» in nome del merito, della gerarchia, della concorrenza e delle libertà, di cui le ultime elezioni politiche in Francia ed Italia costituiscono, fra le altre cose, significativa testimonianza.

Giuseppe Brienza


Note

(1) A testimonianza della necessità di una rivisitazione «non conformistica» di questo periodo si può citare la eco che il convegno ha riportato in diversi mass media cattolici «non progressisti»: cfr., per esempio, Antonio Gaspari, I cattivi frutti del ’68 a distanza di 40 anni. Riflessione sulla cultura che ha generato la «mutazione antropologica», in Zenit. Agenzia Internazionale di notizie, Roma 3-6-2008; Sara Deodati, Quaranta anni ma non li dimostra. Convegno a Roma sulla rivoluzione del Sessantotto ed i suoi esiti nella società e nella Chiesa, in Il Corriere del Sud, anno XVII, n. 7, Crotone 1°/15 giugno 2008; Maurizio Brunetti, L’«eredità» del 1968 nella cultura, nella società e nella Chiesa italiana, in Il Settimanale di Padre Pio, anno VII, n. 26, Frigento (Avellino), 29-6-2008.
(2) Cfr. Enzo Peserico, Gli anni del desiderio e del piombo. Sessantotto, terrorismo & Rivoluzione, Sugarco, Milano 2008.
(3) Cfr. Marco Invernizzi e Paolo Martinucci (a cura di), Dal «centrismo» al Sessantotto, Ares, Milano 2007.
(4) Cfr. Esortazione apostolica post-sinodale Reconciliatio et poenitentia di Giovanni Paolo II all’episcopato, al clero e ai fedeli circa la riconciliazione e la penitenza nella missione della Chiesa oggi, promulgata il 2 dicembre 1984.


Storia contemporanea



Federico Sesia
La memoria mutilata: vittime italo-argentine del terrorismo socialcomunista degli anni 1970

Oscar Sanguinetti
Ma il Muro di Berlino è davvero «crollato»?

Federico Sesia
Identità ucraina: una «invenzione»?

Nicola Lugaresi
La Chiesa e la guerra dalla «guerra giusta» al Novecento

Federico Sesia
Crimini italiani in Iugoslavia. Alcune precisazioni necessarie

Oscar Sanguinetti
Grande Guerra e Rivoluzione europea

Marco Invernizzi
Una lettura del «berlusconismo»

Oscar Sanguinetti
Cento anni fa, la prima guerra mondiale

Oscar Sanguinetti
Una rete internazionale contro il comunismo: l'EIA

Michele Brambilla
Il Congresso Mariano del 1947 nel magistero del beato card. Alfredo Ildefonso Schuster

Francesco Pappalardo
I «costi» del Risorgimento italiano. Come il Regno di Sardegna ha finanziato la «conquista del Sud» con i soldi dei meridionali

Marco Invernizzi
Le origini della nuova evangelizzazione negli anni Cinquanta del secolo scorso?

Marco Invernizzi
Memoria di Carlo d'Austria (1887-1922)

Francesco Pappalardo
Nuove interpretazioni della storia del Mezzogiorno

L’appello del movimento
Carta 08 in Cina


Roberto Pertici
I «silenzi» di Pio XII erano un dovere?

Virgilio Ilàri
Il progetto di una biblioteca militare italiana

Oscar Sanguinetti
Un convegno sul card. Giuseppe Siri a ottant’anni dalla sua ordinazione sacerdotale

Oscar Sanguinetti
Il Sessantotto nella lettura cattolica contro-rivoluzionaria. Ricordo di Enzo Peserico
(1959-2008)


Giovanni Formicola
E le vittime del comunismo?

Giuseppe Brienza
L’«eredità» del 1968 nella cultura, nella società e nella Chiesa italiana

Oscar Sanguinetti
Memoria dell'esilio savonese di Pio VII

Matteo Masetti
Breve storia
della nascita del
«partito armato»
in Italia


Antonio Savo
Hugo Rafael
Chavez Frias: un «Presidente-Caudillo»
a cavallo del mito comunista


Ángel David Martín Rubio
Le vittime
della Guerra Civile spagnola


Paolo Martinucci
Dal «centrismo»
al Sessantotto


Oscar Sanguinetti
La pornografia
nel terzo millennio


Massimo Introvigne
Il segreto
dell'Europa


Oscar Sanguinetti
Bush:
dopo Yalta, Auschwitz?


Marco Invernizzi
Padre Pio
e il Novecento


Giovanni Formicola
Spagna 1936:
l’«assalto al cielo»


Matteo Masetti
Il «dossier Mitrokhin» e l’ombra del Cremlino sull’Europa della Guerra Fredda

Ferdinando Raffaele
Vitaliano Brancati e il fascismo come religione politica

Alessandro Massobrio
Un profilo del card. Giuseppe Siri a cento anni dalla nascita

Massimo Introvigne
Una interpretazione delle società segrete cinesi fra paradigma esoterico, politica e criminologia

Marco Invernizzi
Appunti per una storia dell’idea di famiglia in Italia dalla seconda guerra mondiale alla «guerra dei Pacs»

Alessandro Massobrio
Genova nel Settecento

Oscar Sanguinetti
Benedetto XV:
un grande Papa
per un breve
pontificato


Giuseppe Brienza
Monsignor Roberto Ronca e Civiltà Italica di fronte al 18 aprile 1948

Paolo Deotto
Un martirologio del Novecento:
i sacerdoti uccisi da partigiani comunisti in Italia dopo il 1945


Paolo Deotto
Isola di Cefalonia 1943: andò davvero come la racconta una certa vulgata?

Paolo Deotto
Alfredo Pizzoni, leader ignorato della Resistenza

Paolo Deotto
Strage di Porzus: un'ombra cupa sulla Resistenza

Oscar Sanguinetti
Il dopo-guerra: l’Italia del 1948, fra la Costituente e la morte di Alcide De Gasperi

Oscar Sanguinetti
La tragedia dell'olocausto ebraico
e le sue responsabilità morali


Marco Invernizzi
Alle radici dell'identità italiana: i Comitati Civici


IL LIBRO DEL MOMENTO

Oscar Sanguinetti,
Metodo e storia. Princìpi, criteri e suggerimenti di metodologia per la ricerca storica

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, Roma 2016
320 pp., € 22,00.



Oscar Sanguinetti,
Pio X. Un pontefice santo alle soglie del «secolo breve»,

con una prefazione di Roberto Spataro S.D.B.,
Sugarco Edizioni, Milano 2014,
336 pp., € 24,80



Oscar Sanguinetti,
Alle origini del conservatorismo americano. Orestes Augustus Brownson: la vita, le idee,

con una prefazione di Antonio Donno,
in appendice: Orestes Augustus Brownson, De Maistre sulle costituzioni politiche Biblioteca del pensiero conservatore,
D'Ettoris Editori, Crotone 2013,
282 pp., € 17,90



Marco Tangheroni,
Della storia.
In margine ad aforismi di Nicolás Gómez Dávila

Sugarco Edizioni, Milano 2008,
144 pp., € 15,00


Giovanni Cantoni,
Per una civiltà cristiana nel terzo millennio. La coscienza della Magna Europa e il quinto viaggio di Colombo

Sugarco Edizioni, Milano 2008,
264 pp., € 18,50


Oscar Sanguinetti,
Cattolici e Risorgimento. Appunti per una biografia di don Giacomo Margotti
con una prefazione di Marco Invernizzi

D'Ettoris Editori, Crotone 2012,
160 pp., € 15,90


Christopher Dawson,
La crisi dell'istruzione occidentale
trad. e cura di Paolo Mazzeranghi

D'Ettoris Editori, Crotone 2012,
218 pp., € 19,90


HOME-PAGE

CHI SIAMO

SAGGI E
RELAZIONI

 •     Insorgenza
 •     Identità nazionale
 •    Risorgimento
 •    Storia moderna
 •    Storia contemp.  •    Storia della Chiesa

IL SENSO CRISTIANO
DELLA STORIA

MEDAGLIONI

RIFLESSIONI
SULLA STORIA

IDEOLOGIE
DEL NOVECENTO

LETTURE

RECENSIONI

SCHEDE BIBLIOGRAFICHE

NORME PER LA REDAZIONE DEI TESTI

MEMORANDA

EDITORIALI

BIOGRAFIE

   •    "Alunni di Clio"
   •    Personaggi

SUSSIDI
DIDATTICI

DIBATTITI

DOCUMENTI

  •    Chiesa
  •    Politica italiana
  •    Politica internaz.

ATTIVITÀ

  •    Progetti
  •    Eventi svolti
  •    Appuntamenti
  •    Note e commenti

"NOTE INFORMATIVE"
ISIN

LIBRI
DELL'ISTITUTO

LIBRI DIFFUSI

VOCI
DELLA STORIA

LINKS

IN MEMORIAM






THOMAS E. WOODS JR.
Guida politicamente scorretta alla storia degli Stati Uniti d'America,

a cura di Maurizio Brunetti, con un invito alla lettura di Marco Respinti,
D'Ettoris Editori, Crotone 2009,
350 pp., € 24,90.







OSCAR SANGUINETTI
E IVO MUSAJO SOMMA,
Un cuore per la nuova Europa. Appunti per una biografia di Carlo d'Asburgo,

invito alla lettura di don Luigi Negri,
prefazione di Marco Invernizzi,
a cura dell'Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale,
3a ristampa,
D'Ettoris,
Crotone 2010,
224 pp., con ill., € 18,00.





ROBERTO MARCHESINI,
Il paese più straziato. Disturbi psichici dei soldati italiani della Prima Guerra Mondiale,

prefazione di Oscar Sanguinetti,
presentazione di Ermanno Pavesi,
D'Ettoris,
Crotone 2011,
152 pp., € 15,90.





Per ordinare
i volumi recensiti
o segnalati




VAI A   INIZIO-PAGINA           VAI ALLA   HOME-PAGE  
© Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale 2014