Come...  contattarci | contribuire |associarsi |acquistare libri | iscriversi alla newsletter 

oggi è  


a cura dell’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale


inserito il 1 dicembre 2010


Marco Invernizzi


Le origini della nuova evangelizzazione negli anni Cinquanta del secolo scorso?


L’istituzione, lo scorso 12 ottobre, del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione ha riportato l’attenzione su questo termine "nuova evangelizzazione", così frequente nel magistero di Giovanni Paolo II (1920; 1978-2005), e sul suo significato.

Che cosa significa "nuova evangeliz­zazione"? Quando comincia a essere utilizzato il termine?

Sappiamo che papa Wojtyła ne illustrň il significato durante il suo primo viaggio apostolico in Polonia, nel 1979, in particolare quando parlò a Nowa Huta, la "nuova città operaia" fondata nei pressi di Cracovia, che doveva diventare un modello per il mondo comunista, e doveva essere senza chiesa, perché la religione non era più necessaria nel "nuovo mondo", mentre invece diventò il luogo dove appunto emblematicamente venne annunciata una nuova azione evangelizzatrice.

Sappiamo anche che il tema è stato illustrato nell’esortazione apostolica Christifideles laici del 1988, nell’enciclica sulla missionarietà Redemptoris missio del 1990, senza dimenticare che appare anche in documenti precedenti al papa polacco. Ne parlano infatti il primo discorso del beato Giovanni XXIII (1881; 1958-1963) all’inaugurazione del Concilio Vaticano II, l’11 ottobre 1962, nonché l’esortazione apostolica Evangelii nuntiandi di Paolo VI (1897; 1963-1978), emessa nel 1975. Questi documenti, nonostante il termine non vi appaia letteralmente, possono essere considerati come anticipatori del significato che vi darà papa Giovanni Paolo.

Se guardiamo agli anni 1950, vediamo tuttavia che già allora vi è qualcosa d’inerente al tema.

Il 1950 è un anno importante per la Chiesa. È un Anno Santo, innanzitutto, che segue solo di due anni la vittoria elettorale cattolica del 18 aprile 1948 in Italia, che fu la vittoria di una civiltà, prima ancora che di un partito politico. Si tratta di un periodo ambiguo, nel quale in diversi Paesi europei sembra di assistere a un ritorno alla fede e addirittura a regimi di "cristianità", dopo l’ubriacatura ideologica il cui frutto è stata la Seconda Guerra Mondiale. Contemporaneamente molti cominciano ad avvertire allora in modo esplicito che una grande crisi sta investendo la Chiesa, apparentemente ancora forte e radicata, ma in alcuni Paesi già marginale e spesso incapace di evangelizzare coloro che si sono allontanati dalla fede.

Fra chi avverte la crisi c’è il teologo di Lucerna — e poi, negli ultimi anni, cardinale — Hans Urs von Balthasar (1905-1988), che nel 1952 pubblica il suo celebre scritto Abbattere i bastioni (oggi pubblicato in La percezione dell’amore. Abbattere i bastioni e Solo l’amore è credibile, cura e introduzione di Elio Guerriero, Jaca Book, Milano 2010).

In questi anni, in Italia, il medico e dirigente dei neo-costituiti Comitati Civici Luigi Gedda (1902-2000), l’artefice del successo del 18 aprile, considerato dai più soltanto come un abile organizzatore e persona incapace di cogliere i "segni dei tempi", si preoccupava già di una nuova fase, che mettesse a frutto l’exploit cattolico.

Se ne cominciò a parlare nel suo ambiente intorno al Natale del 1948 e l’iniziativa divenne operativa nel 1949, dopo la nomina di Gedda a vicepresidente nazionale dell’Azione Cattolica (Aci). L’idea era quella di favorire il ritorno alla fede cattolica e alla Chiesa dei comunisti che l’avevano abbandonata oppure l’avevano poco o per niente conosciuta: l’iniziativa prese così il nome di Crociata per il Gran Ritorno e il Gran Perdono. Dopo il 18 aprile, dopo la scomunica comminata il 1° luglio 1949 dal Sant’Uffizio — l’attuale Congregazione per la Dottrina della Fede — ai fedeli che difendevano o propagandavano la dottrina del comunismo, il fondatore dei Comitati Civici si mise all’opera con altri per dar corpo all’idea. L’occasione sarebbe stata il prossimo Anno Santo, appunto quello del 1950. Ottenuto il placet della giunta centrale dell’Aci, Gedda e l’assistente generale mons. Giovanni Urbani (1900-1969) riunirono i dirigenti nazionale dell’associazione per una "tre giorni" che illustrasse l’iniziativa. Il teologo, poi cardinale, Pietro Parente (1891-1986) tenne in quell’occasione tre interventi, rispettivamente intitolati Volto ascetico individuale dell’Anno Santo, Volto apostolico dell’Anno Santo e Il Decreto del S. Uffizio contro il comunismo.

L’iniziativa venne prolungata sino alla fine del 1950. Lo studioso del movimento cattolico Mario Casella ha raccolto dall’archivio dell’Aci e pubblicato molte delle relazioni giunte a Roma dalle sedi locali, aiutando così a comprendere meglio il comune sentire dell’associazionismo cattolico del tempo (1).

Su questa operazione s’impone una prima riflessione. L’artefice del 18 aprile non era soltanto un uomo di organizzazione, come spesso viene riduttivamente presentato, né soltanto un militante impegnato nell’anticomunismo. Il suo progetto e i suoi desideri andavano evidentemente anche in un’altra e più realistica direzione, che per certi versi anticipava esigenze poi riprese dall’appello alla nuova evangelizzazione. E chi allora più dei comunisti — sconfitti — aveva bisogno di essere rievangelizzato?

Importanti sono le due premesse che Gedda espone il 29 ottobre alla riunione della giunta: "1) l’azione non può essere portata alla periferia con i colori sgargianti di altre campagne, questa volta deve essere circondata da un alone di riserva, di grande delicatezza; 2) deve avere una impronta nettamente religiosa, evitando la confusione dei piani (sindacale, politico)" (2).

Noi oggi facciamo fatica a comprendere veramente la continuità che caratterizza la storia della Chiesa. Pensiamo di essere noi contemporanei i soli ad avere desideri di rievangelizzazione, come se cinquant’anni fa queste preoccupazioni non fossero esistite. E ci dimentichiamo che l’idea di una nuova evangelizzazione del mondo occidentale è maturata lentamente e progressivamente, come testimonia la lettura del magistero precedente i documenti del Concilio Vaticano II (1962-1965). Il fatto che allora vi fossero ancora "brandelli" di cristianità che i cattolici dovevano difendere non significa che non fosse già sentita l’esigenza di una seconda azione evangelizzatrice. Così come, al contrario, questa esigenza non ci deve esimere dal difendere quanto di cristiano esiste ancora, nella misura in cui sopravvive, nel mondo contemporaneo.

 

 

(1) Cfr. Mario Casella, L’Anno Santo del 1950, l’Azione Cattolica e la "Crociata del gran ritorno". Lettere e relazioni da diocesi e parrocchie dell’Italia settentrionale e centrale, preceduta da una breve presentazione, apparso in tre numeri della rivista Ricerche di storia sociale e religiosa (rispettivamente, anno XXXVII, n. 74, luglio-dicembre 2008, pp. 203-248; n. 75, gennaio-giugno 2009, pp. 135-173; e n. 76, luglio-dicembre 2009, pp. 211-281); cfr. anche Idem, L’Azione cattolica e l’Anno Santo del 1950: la "crociata per il gran ritorno e il gran perdono", in Rassegna storica lucana, anno XXVII, nn. 45-46, gennaio-dicembre 2007, pp. 77-237; nonché Idem, Religione e politica nell’Azione cattolica di Luigi Gedda (1952-1959), in Bollettino dell’archivio per la storia del movimento sociale cattolico in Italia, anno XLIV

(2) Idem, L’Azione cattolica e l’Anno Santo del 1950: la "crociata per il gran ritorno e il gran perdono", cit., p. 81., n. 2, maggio-agosto 2009, pp. 191-252).


Storia contemporanea



Federico Sesia
La memoria mutilata: vittime italo-argentine del terrorismo socialcomunista degli anni 1970

Oscar Sanguinetti
Ma il Muro di Berlino è davvero «crollato»?

Federico Sesia
Identità ucraina: una «invenzione»?

Nicola Lugaresi
La Chiesa e la guerra dalla «guerra giusta» al Novecento

Federico Sesia
Crimini italiani in Iugoslavia. Alcune precisazioni necessarie

Oscar Sanguinetti
Grande Guerra e Rivoluzione europea

Marco Invernizzi
Una lettura del «berlusconismo»

Oscar Sanguinetti
Cento anni fa, la prima guerra mondiale

Oscar Sanguinetti
Una rete internazionale contro il comunismo: l'EIA

Michele Brambilla
Il Congresso Mariano del 1947 nel magistero del beato card. Alfredo Ildefonso Schuster

Francesco Pappalardo
I «costi» del Risorgimento italiano. Come il Regno di Sardegna ha finanziato la «conquista del Sud» con i soldi dei meridionali

Marco Invernizzi
Le origini della nuova evangelizzazione negli anni Cinquanta del secolo scorso?

Marco Invernizzi
Memoria di Carlo d'Austria (1887-1922)

Francesco Pappalardo
Nuove interpretazioni della storia del Mezzogiorno

L’appello del movimento
Carta 08 in Cina


Roberto Pertici
I «silenzi» di Pio XII erano un dovere?

Virgilio Ilàri
Il progetto di una biblioteca militare italiana

Oscar Sanguinetti
Un convegno sul card. Giuseppe Siri a ottant’anni dalla sua ordinazione sacerdotale

Oscar Sanguinetti
Il Sessantotto nella lettura cattolica contro-rivoluzionaria. Ricordo di Enzo Peserico
(1959-2008)


Giovanni Formicola
E le vittime del comunismo?

Giuseppe Brienza
L’«eredità» del 1968 nella cultura, nella società e nella Chiesa italiana

Oscar Sanguinetti
Memoria dell'esilio savonese di Pio VII

Matteo Masetti
Breve storia
della nascita del
«partito armato»
in Italia


Antonio Savo
Hugo Rafael
Chavez Frias: un «Presidente-Caudillo»
a cavallo del mito comunista


Ángel David Martín Rubio
Le vittime
della Guerra Civile spagnola


Paolo Martinucci
Dal «centrismo»
al Sessantotto


Oscar Sanguinetti
La pornografia
nel terzo millennio


Massimo Introvigne
Il segreto
dell'Europa


Oscar Sanguinetti
Bush:
dopo Yalta, Auschwitz?


Marco Invernizzi
Padre Pio
e il Novecento


Giovanni Formicola
Spagna 1936:
l’«assalto al cielo»


Matteo Masetti
Il «dossier Mitrokhin» e l’ombra del Cremlino sull’Europa della Guerra Fredda

Ferdinando Raffaele
Vitaliano Brancati e il fascismo come religione politica

Alessandro Massobrio
Un profilo del card. Giuseppe Siri a cento anni dalla nascita

Massimo Introvigne
Una interpretazione delle società segrete cinesi fra paradigma esoterico, politica e criminologia

Marco Invernizzi
Appunti per una storia dell’idea di famiglia in Italia dalla seconda guerra mondiale alla «guerra dei Pacs»

Alessandro Massobrio
Genova nel Settecento

Oscar Sanguinetti
Benedetto XV:
un grande Papa
per un breve
pontificato


Giuseppe Brienza
Monsignor Roberto Ronca e Civiltà Italica di fronte al 18 aprile 1948

Paolo Deotto
Un martirologio del Novecento:
i sacerdoti uccisi da partigiani comunisti in Italia dopo il 1945


Paolo Deotto
Isola di Cefalonia 1943: andò davvero come la racconta una certa vulgata?

Paolo Deotto
Alfredo Pizzoni, leader ignorato della Resistenza

Paolo Deotto
Strage di Porzus: un'ombra cupa sulla Resistenza

Oscar Sanguinetti
Il dopo-guerra: l’Italia del 1948, fra la Costituente e la morte di Alcide De Gasperi

Oscar Sanguinetti
La tragedia dell'olocausto ebraico
e le sue responsabilità morali


Marco Invernizzi
Alle radici dell'identità italiana: i Comitati Civici


IL LIBRO DEL MOMENTO

Oscar Sanguinetti,
Metodo e storia. Princìpi, criteri e suggerimenti di metodologia per la ricerca storica

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, Roma 2016
320 pp., € 22,00.



Oscar Sanguinetti,
Pio X. Un pontefice santo alle soglie del «secolo breve»,

con una prefazione di Roberto Spataro S.D.B.,
Sugarco Edizioni, Milano 2014,
336 pp., € 24,80



Oscar Sanguinetti,
Alle origini del conservatorismo americano. Orestes Augustus Brownson: la vita, le idee,

con una prefazione di Antonio Donno,
in appendice: Orestes Augustus Brownson, De Maistre sulle costituzioni politiche Biblioteca del pensiero conservatore,
D'Ettoris Editori, Crotone 2013,
282 pp., € 17,90



Marco Tangheroni,
Della storia.
In margine ad aforismi di Nicolás Gómez Dávila

Sugarco Edizioni, Milano 2008,
144 pp., € 15,00


Giovanni Cantoni,
Per una civiltà cristiana nel terzo millennio. La coscienza della Magna Europa e il quinto viaggio di Colombo

Sugarco Edizioni, Milano 2008,
264 pp., € 18,50


Oscar Sanguinetti,
Cattolici e Risorgimento. Appunti per una biografia di don Giacomo Margotti
con una prefazione di Marco Invernizzi

D'Ettoris Editori, Crotone 2012,
160 pp., € 15,90


Christopher Dawson,
La crisi dell'istruzione occidentale
trad. e cura di Paolo Mazzeranghi

D'Ettoris Editori, Crotone 2012,
218 pp., € 19,90


HOME-PAGE

CHI SIAMO

SAGGI E
RELAZIONI

 •     Insorgenza
 •     Identità nazionale
 •    Risorgimento
 •    Storia moderna
 •    Storia contemp.  •    Storia della Chiesa

IL SENSO CRISTIANO
DELLA STORIA

MEDAGLIONI

RIFLESSIONI
SULLA STORIA

IDEOLOGIE
DEL NOVECENTO

LETTURE

RECENSIONI

SCHEDE BIBLIOGRAFICHE

NORME PER LA REDAZIONE DEI TESTI

MEMORANDA

EDITORIALI

BIOGRAFIE

   •    "Alunni di Clio"
   •    Personaggi

SUSSIDI
DIDATTICI

DIBATTITI

DOCUMENTI

  •    Chiesa
  •    Politica italiana
  •    Politica internaz.

ATTIVITÀ

  •    Progetti
  •    Eventi svolti
  •    Appuntamenti
  •    Note e commenti

"NOTE INFORMATIVE"
ISIN

LIBRI
DELL'ISTITUTO

LIBRI DIFFUSI

VOCI
DELLA STORIA

LINKS

IN MEMORIAM






THOMAS E. WOODS JR.
Guida politicamente scorretta alla storia degli Stati Uniti d'America,

a cura di Maurizio Brunetti, con un invito alla lettura di Marco Respinti,
D'Ettoris Editori, Crotone 2009,
350 pp., € 24,90.







OSCAR SANGUINETTI
E IVO MUSAJO SOMMA,
Un cuore per la nuova Europa. Appunti per una biografia di Carlo d'Asburgo,

invito alla lettura di don Luigi Negri,
prefazione di Marco Invernizzi,
a cura dell'Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale,
3a ristampa,
D'Ettoris,
Crotone 2010,
224 pp., con ill., € 18,00.





ROBERTO MARCHESINI,
Il paese più straziato. Disturbi psichici dei soldati italiani della Prima Guerra Mondiale,

prefazione di Oscar Sanguinetti,
presentazione di Ermanno Pavesi,
D'Ettoris,
Crotone 2011,
152 pp., € 15,90.





Per ordinare
i volumi recensiti
o segnalati




VAI A   INIZIO-PAGINA           VAI ALLA   HOME-PAGE  
© Istituto Storico dell'Insorgenza e per l'Identità Nazionale 2014